Ascolto e relazione, Corpo e salute
comments 2

Sono nata a marzo

Sono nata il ventuno a primavera

Sono nata il ventuno a primavera
ma non sapevo che nascere folle,
aprire le zolle
potesse scatenar tempesta:
così Proserpina lieve
vede piovere sulle erbe,
sui grossi frumenti gentili
e piange sempre la sera.
forse è la sua preghiera.
Alda Merini da Vuoto d’amore, Einaudi 1991

Eccoci a marzo, e questa poesia di Alda Merini mi piace tantissimo per due motivi: il primo è che sono nata anche io a marzo e poi cita Proserpina, chiamata così dai romani e Persefone dai greci.
Adoro il suo mito per una serie di motivi, ad esempio la sua evoluzione da bambinetta felice e spensierata (Kore) figlia della grande Demetra (dea vicina alla Natura) a moglie del Re Ade del mondo degli inferi e quindi Regina del mondo di sotto, con un importante ruolo per le anime in arrivo, di cui decideva la sorte.

Negli ultimi anni ho ri-scoperto i miti greci, celtici, e anche altri più antichi, gli archetipi, i simboli e in particolare quelli femminili e delle dee, grazie alla Soulful Mentor Giada Carta e ai tanti spunti che con lei si ricevono sul piano intuitivo e spirituale, ma tutti applicati al lavoro di cambiamento e trasformazione nel mondo personale e professionale!

Ma cosa accade in questo periodo che io definisco magico ?

  • Astronomicamente sappiamo che durante l’equinozio il giorno e la notte si equivalgono, poi le giornate cominciano ad allungarsi fino a raggiungere il massimo della durata del giorno nel solstizio di estate, quando cominciano poi a diminuire le ore di luce rispetto al buio e si raggiunge di nuovo l’equilibrio fra giorno e notte nell’ equinozio d’autunno.
  • Energeticamente invece c’è un risveglio dell’energia vitale che, assopita durante l’inverno, ora torna a pulsare e a riattivarsi per raggiungere poi in estate il massimo dell’espansione e io sento nell’ aria che il cambiamento è già in atto, nonostante il freddo di questi giorni.

Mi piace tantissimo il risveglio del potenziale energetico insito nella Primavera, me lo ricordano le gemme sugli alberi, lo sbocciare dei fiori, il mio Cucciolo che va in amore (gatto, non figlio, eheh), il canto degli uccellini durante il risveglio mattutino e la luce del sole che si leva presto e aumenta la voglia di alzarmi prima, finalmente. Sono un’allodola come tipologia, perciò mattiniera, ma l’inverno è dura alzarsi presto col buio, diciamolo!

  • Fisicamente, aimè, non posso farmi prendere troppo dalla frenesia e dall’ entusiasmo perché questo è anche un periodo molto delicato per l’organismo, si esce dall’ inverno e questo costa fatica, infatti uno dei sintomi di questa transizione è la classica stanchezza che sento nel primo periodo che coinciderà con la Pasqua quest’anno, perciò conoscendomi, non è il caso di esagerare!

 

La bravissima Silvia di macrobioticamente.com mi sosterrà con tutti i suoi consigli e le ricette giuste, è il momento per fare un periodo di depurazione e poi un’ altra pratica che inserirò nel mio Diario giornaliero che trovi qui, è quella delle frizioni, non so tu ma io mi ritrovo sempre la pelle secchissima in questo periodo e con questa pratica ho risolto il fastidio, se vai sul suo sito potrai leggere nel dettaglio di cosa si tratta, ma se già le conosci qui trovi un pdf per ricordarti di farlo per 28 giorni!

L’Equinozio di Primavera,

che avverrà al 20 di marzo, ha sempre rappresentato un momento speciale, in molte culture questo è un giorno di celebrazioni.
Nell’antica Grecia si celebravano i Piccoli Misteri Eleusini, riti (celebrati dalla città di Eleusi dove aveva dimorato Demetra nel periodo in cui cercava la figlia) segnati da purificazioni, digiuni e sacrifici. I Grandi Misteri, invece, celebrati tra settembre ed ottobre, rievocavano appunto il rapimento di Persefone (Proserpina per i romani), figlia della dea Demetra (è colei che ha donato agli uomini l’agricoltura) condotta negli inferi dal dio Ade per farla sua sposa. Sono riti di cui non si sa molto perché erano segreti e misteriosi. Ma di questi ne parliamo al prossimo equinozio autunnale!

E io cosa faccio in questo periodo?

Qualcosa di meno fondamentale, rispetto a Demetra e Persefone eheh! Visto che in autunno preparo tutta la progettazione e il planning per il nuovo anno, in questo periodo verifico cosa ho fatto e cosa no rispetto al programma; cosa è andato bene e cosa meno; se c’è qualcosa da aggiustare o eliminare, in fondo siamo ancora in tempo per recuperare o rivedere qualche obiettivo che non è più praticabile o interessante. E da questo lavoro risulta che sono in ritardo sulla tabella di marcia.

Come mai sono in ritardo?

Perché ho dato il via ad un Percorso di 7 incontri a cadenza mensile, sui simboli dei Sette c’akra e le implicazioni con alcuni aspetti della vita come la relazione con i soldi, con il piacere, con la volontà ecc. ecc. che non avevo minimamente previsto in autunno ma che è nato da un percorso sui màndala ideato quasi per gioco, per donare gratuitamente un piccolo avvento fatto di màndala da colorare e conoscere da vicino con l’idea di prepararsi al Natale!

Questa bella esperienza ha dato il via a questo filone che da appassionata e praticante esperta di Viniyoga, conosco e adoro! Mi sta piacendo molto perché è un mix di tutte le competenze acquisite negli ultimi 10 anni e credo che lo ripeterò.

Se intanto vuoi la versione on-line “Conosci te stesso con i 7 chakra” puoi iscriverti QUI.

E tu come ti prepari all’ arrivo della Primavera?

Rispondi con un commento o scrivimi una mail sono curiosissima e interessatissima delle abitudini degli altri perché non si finisce mai di imparare!

2 Comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.