All posts tagged: paura

cielo ed alberi

La buona azione o l’azione buona?

Agire nel migliore dei modi Quando il cambiamento non fa più tanta paura, ne ho scritto qui, ti rendi conto della differenza tra l’azione efficace (buona) e quella inefficace o re-azione perché è la chiave fondamentale per il successo del cambiamento stesso. Negli ambiti importanti, come quello del lavoro o delle relazioni interpersonali, succede spesso che il cambiamento avvenga  precipitando i tempi in quanto si trascura il proprio sentire al punto che ad un certo punto il vaso straripa con la cosiddetta ultima goccia e non si può prendere una decisione diversa! Prendere quella decisione è diventata l’unica strada e per questo vuoi subito assecondare la spinta a fare il grande salto grazie anche alla scarica energetica legata alle emozioni che stai provando (rabbia, fatica, orgoglio). Il problema è che una re-azione simile, non tiene conto di tutto il resto (l’affitto da pagare, i genitori da considerare o la dispensa da svuotare di cibi spazzatura!) insomma rischi di compromettere il cambiamento stesso e pentirtene dopo poco. Te lo dice una che ha deciso di licenziarsi quasi dall’oggi …

Di addii e nuovi inizi

Buon Anno carissima! Inizio questo nuovo anno del Blog scrivendo di addii e nuovi inizi! Non ti nascondo che per molto tempo ogni nuovo inizio per me è quasi sempre stato motivo di sofferenza e crisi esistenziale perché il condizionamento che soggiaceva al tutto era: “Se sta cominciando qualcosa di nuovo, vuol dire che devo dire addio a qualcos’altro che finisce…. oddio come faccio ad avere tutto sotto controllo se cambia qualcosa…. se cambia qualcosa magari perdo le mie certezze (ovviamente illusorie!)…. che pizza sta cosa nuova con cui confrontarmi (tanto lo so che non mi piacerà)…. che fatica che mi costa adattarmi…non ho tutte ‘ste energie!” L’ho riassunto parecchio, ma ti dà un’idea del pandemonio che si scatenava in me. Insomma da panico…. la cosa più assurda era non rendermi conto di quanto questa resistenza al cambiamento fosse proprio la causa di tutti i conflitti e la mancanza di energia! Anche se ora non è più così ricordo ancora bene cosa significa e perciò mi ritengo un’ esperta del “Che palle i cambiamenti” Ho vissuto questo stato …

Di gratitudine e di felicità

Grazie è indubbiamente la parola che più ho detto durante la mia infanzia per manifestare la mia gratitudine. Grazie a tutto quello che mia madre ha fatto per me : “Vale tieni i vestiti puliti…” – “Grazie mà”  e tutto ciò che ho ricevuto da parenti, amici, insegnanti. Una parola in risposta a richieste, favori, gentilezze (ero indubbiamente una brava bambina! ) Non voglio dire che crescendo sia diminuita la capacità di dire grazie, forse il numero di volte o le persone a cui lo dico, ma è cambiato il sentimento della gratitudine. Se la sola preghiera che dirai mai nella tua intera vita è grazie, quella sarà sufficiente (Meister Eckhart)   La mia capacità di essere grata è cambiata sicuramente anche da quando ho intrapreso il mio nuovo “viaggio”  e ho la netta sensazione che ora essa sia inversamente proporzionale alla mia paura di vivere, perciò più sono grata e meno ho paura della vita! Cosa cambia coltivando la gratitudine Comincio con il dire che la gratitudine è un sentimento positivo e altamente potenziante, che influenza il …