All posts filed under: Focusing del Dott. Gendlin

Il Focusing è il nome che il Dott. Gendlin diede alla ricerca che gli permise di scoprire la capacità naturale in alcuni soggetti, di migliorare e guarire per via di un “atteggiamento” di ascolto dal “di dentro” che, assecondato, portava poi a cambiamenti significativi al “di fuori” e quindi nel comportamento. Il Dottor Gendlin ne ha elaborato un Metodo così da poterlo insegnare a chi non ricordvaa più tale atteggiamento o non aveva potuto potenziarlo prima.

Faro

Intuizione e Focusing (prima parte)

Dal dizionario etimologico: Intuizione, s.f. attitudine naturale a conoscere l’intima essenza delle cose senza dover ricorrere al ragionamento (1878 Capponi), fu chiamata da Jung una funzione ‘irrazionale’, ma come egli disse: “questo termine non denota qualche cosa di contrario alla ragione , ma qualche cosa che è fuori dal campo della ragione”(Psychological Types, pag 569). La funzione Intuitiva Nel testo “Principi e metodi della Psicosintesi terapeutica”, Roberto Assagioli ( Medico Psichiatra e primo Psicanalista Italiano che fondò l’Istituto di Psicosintesi nel 1926), considera l’intuizione come una funzione psicologica specifica e indipendente. Sempre Assagioli, ci dice che “l’ intuizione è una funzione normale della psiche la cui attivazione è prodotta principalmente dalla eliminazione dei vari ostacoli che impediscono la sua attività. E’ una delle funzioni meno riconosciute e meno apprezzate e perciò è generalmente poco sviluppata o repressa. Viene repressa con un meccanismo simile a quello della repressione degli impulsi nell’ inconscio, ma la motivazione è diversa”. Inoltre ci ricorda che ci sono diversi tipi di intuizione, a seconda che essa operi a livello della personalità …

focusing e emergenze

Focusing ed emergenze

La scorsa settimana ho avuto modo di sperimentare, per l’ennesima volta, l’importanza di avere uno “strumento” come il Focusing nel mio bagaglio personale per affrontare. Uno strumento utile non solo per gestire i “movimenti” emotivi che a volte colorano certe situazioni e relazioni umane, o a sostegno della ricerca di ciò che realmente desidero e vorrei raggiungere per me, ma anche quanto sia determinante nelle situazioni di emergenza che possono presentarsi, com’è loro abitudine, all’improvviso. Praticare il Focusing regolarmente con un “compagno”, davanti al monitor di un PC, al telefono o di persona, è sicuramente il modo migliore per lavorare su tutti questi aspetti, mi vien da dire, in tempo di pace, affinché si possa  affrontare meglio il tempo di guerra, e infatti così è stato anche per me! Sono abituata a praticare  anche da sola, ma non mi era mai accaduto di farlo alla guida della mia macchina, mentre andavo in Ospedale, perché chiamata da mio figlio diciottenne, che aveva fatto un incidente in moto andando a scuola. Certo, il fatto che mi abbia …

balance decluttering

Del “fare spazio” e decluttering

Oggi voglio parlarti del “fare spazio”, come sai è il modo che Gendlin predilige per prepararsi al Processo di Focusing. Questo esercizio permette di creare lo “spazio” interiore idoneo a ripulire la mente e a fare una sorta di check list degli argomenti, delle situazioni e dei pensieri, che ingombrano proprio quello spazio che ci occorre liberare. In questo modo, l’Osservatore/Ascoltatore empatico, può entrare in azione e prendersi cura di un aspetto alla volta, e nel qui ed ora, tra tutti, quello che “grida” più forte e che ha più bisogno di essere ascoltato. Creare uno spazio di questo tipo in te, vuol dire entrare in una dimensione di chiarezza, calma, equanimità, di accettazione ed amore incondizionato, dal quale puoi lavorare con il Focusing ed è esso stesso parte integrante del Processo di Focusing. Non è uno spazio che si raggiunge d’emblée, ma gradualmente, processo dopo processo, ed è un’esperienza che, ti assicuro, ti cambierà la vita per come influenzerà la tua relazione con te stessa e con il mondo che ti circonda. Il parallelismo …

journaling

Del Journaling e del Focusing

Sento spesso parlare di journaling, vuol dire scrivere un diario, ma  in inglese fa più figo! Ho sempre avuto un diario, ricordo ancora il primo, mi fu regalato da mia madre: era con i fiorellini in copertina e aveva anche un lucchettino, per proteggerlo da occhi indiscreti! Da quel momento, ne ho scritto uno regolarmente fino a quando non ho cominciato a lavorare, a 21 anni. Da allora, un po’ a singhiozzo,: nei momenti più significativi della mia vita durante e dopo il ricovero per il M. di Crohn, ne ho avuto uno per ogni percorso di crescita personale intrapreso: gli incontri dal Naturopata, quando ho intrapreso la pratica di Viniyoga, durante il percorso di counselling e poi la formazione in Focusing Base e Trainer. Ho sempre scritto anche durante tutti i percorsi formativi intrapresi, ne ho parlato nel mio primo post, se non lo hai letto, lo trovi qui. Scrivere ha sempre avuto un effetto calmante su di me, le “matasse” di pensieri, riflessioni, emozioni che si aggrovigliano, trovano un filo, un collegamento che …

Sintonizzazione

Sintonizzarsi e fare spazio

Salve! Anche in questo post l’argomento trattato riguarda l’ “inizio”. Come ben sai, se sei un focalizzatore, altrimenti lo scopri ora, il Processo di Focusing si può predisporre con due diverse pratiche: la Sintonizzazione, che assomiglia vagamente al Training Autogeno e può variare in lunghezza ed essere breve, media o lunga (QUI il PDF delle Sintonizzazioni). La sintonizzazione, con l’esperienza e mantenendo uno schema di base, si può personalizzare anche un po’, ad esempio, in base al momento, all’ispirazione o al compagno con cui si sta focalizzando; oppure, con l’esercizio del Fare spazio, che permette una profonda “centratura”, tanto da essere utilizzato anche da solo, ad esempio, in certi momenti di particolare “ingolfamento” emotivo- mentale (e se sei anche tu una donna multitasking vivrai spesso momenti del genere!). Anche questo esercizio si può variare in qualche piccolo aspetto, puoi leggerlo e sperimentarlo con questo PDF. Lo scopo è scendere dalla testa al sentire corporeo per rallentare il ritmo veloce in cui sei immersa e poter entrare in relazione con le parti del tuo corpo, senza …

cominciamo bene

Cominciamo bene!

  Questo 2017 è l’anno della riscossa, l’anno della TRASFORMAZIONE, come dice la mia “parola dell’anno”, trovata grazie al lavoro fatto con Susannah Conway. Sono mesi che ho intrapreso una serie di progetti e azioni per potermi ricreare una identità lavorativa (se non l’hai ancora fatto leggi Chi sono) e siccome una cosa non esclude l’altra, anche più fisicamente diretta al ben-essere. Per questo devo ringraziare tantissime persone, tutte quelle che mi hanno accompagnato lungo il viaggio intrapreso dopo la mia diagnosi di M.di Chron, ne cito solo alcune. Il mitico  Dott Carlo Conti, Naturopata-Heilpraktiker; Lucia Volta, insegnante Viniyoga con Lucia Almini, Insegnante di Yoga e Counselor, e Francesca Busnelli, anche lei insegnante Viniyoga; Non posso non citare Lucia Centolani e Marina Blandino, dell’Istituto Internazionale di Psicosintesi Educativa e  il Dott. Vincenzo Liguori, Psicoterapeuta, frequentato durante la formazione in Counseling ad indirizzo Psicosintetico, appunto, e chissà quante altre che non ricordo in questo momento. Inoltre, grazie ad un corso fatto nel 2016, “Dal talento al business”, di Gioia Gottini, la Coltivatrice di successi, ho potuto …