La notte di San Lorenzo è trascorsa da pochi giorni e forse anche tu ammirando lo sciame di stelle cadenti hai espresso un desiderio, anzi di più?
Se non hai avuto l’occasione, non disperare perché la sera rientrando a casa camminando ancora col naso all’ insù, oppure dal luogo in cui sei in vacanza, ancora meglio, potresti ammirare ancora qualche stella cadente all’ orizzonte e mi raccomando ricordati di esprimere dei desideri quando ciò avverrà perché sai, giocare e desiderare sono molto più importanti di quello che credi!

Perché desiderare

secondo il dizionario significa – sentire la mancanza di ciò che è piacevole, buono, necessario; richiedere, chiamare, volere – . Deriva dal latino siderale , ossia astri, mentre de-siderare voleva dire smettere di dipendere dalle potenze astrali e guardare altrove.

In poche parole io desidero, come ricorda Igor Sibaldi, quando comincio a dire “qui tutto va così e cosà ma a me non importa più di tanto perché io punto a qualcos’altro visto che quello che qui c’è già non mi basta”.

Lo so, ora parte una vocina dentro che dice: “e ma chi dice così è una persona egoista, che non si accontenta mai, che non sa godere di ciò che ha… eccetera eccetera” tu mettila un attimo in stand-by e riflettiamo sul fatto che spesso ci si dimentica che la realtà che viviamo è un velo che cambia per ognuno di noi e quindi forse possiamo ricordare a quella vocina petulante, che desiderare vuol dire superare questi veli e arrivare a percepire la Realtà delle cose.

Ma come si formano questi veli?

Sono soprattutto il risultato di convinzioni legate all’ esperienza soggettiva, all’ educazione, ai condizionamenti sociali e culturali, alle credenze di ciascuno di noi, e alzare questi veli vorrà dire entrare in contatto con la realtà scevra da essi.

Allora desiderare non è semplicemente un mero “gioco” di immaginazione!

A concludere il quadro, aggiungiamo che la funzione immaginativa, come ormai è stato ampiamente dimostrato dalla programmazione neuro linguistica e dalla psicologia dinamica, è alla base di ogni azione che l’uomo intraprende e l’importanza del desiderare comincia a delinearsi meglio, vero?

L’ignoranza del significato e dell’ importanza dell’immaginazione, fa sì che si scivoli via e si dedichi scarso impegno a perfezionarla, a coltivarla e ad accrescerla.

Ci dimentichiamo che le azioni quotidiane, dalle più insignificanti alle più elevate, sono suoi prodotti e si realizzano ed hanno successo solo se sostenute proprio dall’immaginazione che le precede, le prefigura e fa loro da supporto, altrimenti non si avrebbero.

Non si agisce sul reale, sul mondo e su se stessi se lei non è presente o non è d’accordo.

Cosa fa per noi

  • L’immaginazione è necessaria nella pianificazione e nel comportamento.
  • L’immaginazione quale funzione evocatrice e creatrice di immagini è una potente forza propulsiva della psiche.
  • L’immaginazione favorisce lo sviluppo personale con l’apporto creativo che le è proprio.
  • L’immaginazione appronta modelli pilota per il proprio agire e permette di pre-viverli e pre- agirli.
  • L’immaginazione vicaria l’azione ed è fattore trasformante per eccellenza.
  • L’immaginazione abbina fra loro le memorie per creare il nuovo.
  • L’immaginazione completa dettagli non visti o vissuti di un evento.
  • L’immaginazione spiega, rende intelligibile ed amplifica come una lente di ingrandimento le situazioni non comprese o non valutate nel momento in cui si sono verificate.
  • L’immaginazione si sviluppa con il gioco nelle attività ludiche dei bambini, con i giochi estetici e creativi dell’uomo: le arti sono i suoi giochi con colori suoni e forme.
  • L’immaginazione produce simboli, ponti tra l’implicito e l’esplicito, tra conscio ed inconscio, tra conscio individuale ed universale!

Quindi forse esprimere un desiderio guardando una stella cadente, alla luce di tutto ciò, è solo la punta dell’iceberg della funzione immaginativa.

Ma come coltivare l’immaginazione?

  1. Creando Spazio:
    uno spazio interiore dal quale possa emergere proprio la nostra immaginazione. Per creare spazio, come insegna lo yoga, occorre intervenire sugli ostacoli che incontriamo lungo il quotidiano vivere e gli strumenti per poterlo fare sono:
    – la pratica dello yoga o di qualsiasi altra disciplina corporea che permette l’ascolto di sé durante la sua esecuzione e che utilizzi il corpo come strumento di conoscenza di sé e non posso non citare il Metodo del Focusing;
    – la meditazione o la pratica del silenzio, in cui si impara ad attivare il Testimone;
    leggendo, creando mondi alternativi;
    scrivendo, come tecnica di “svuotamento” della mente frenetica;
  2. Creando connessione tra capacità logiche ed analogiche,
    agevolando la connessione tra i due emisferi cerebrali per aumentare le capacità di creazione di soluzioni alternative e alla gestione dei problemi, come? Lo si fa utilizzando la mano sinistra se si è destri, o viceversa, ogni tanto (lo facevi da piccola? Non era un gioco carino? Riprovaci ogni tanto!);
    cambiando una piccola abitudine volutamente, tipo cambiare la tazza di tè preferita che utilizzi sempre, quel giorno;
    – provando a tornare a casa cambiando il percorso che fai di solito, in pratica, allenati a stare con l’ignoto e il non-conosciuto;
    – per questa connessione è utilissimo anche ballare!
  3. Allenando attivamente la creatività:
    – con le attività di tipo artistico: pittura, scultura, suonando uno strumento musicale;
    – con tutte le attività volte a costruire, riparare, hobby vari che utilizzano le mani;
    – da non sottovalutare, anzi esercitare regolarmente, è del sano Decluttering, ossia la creazione di nuovo spazio nell’ambiente circostante con l’eliminazione di tutto ciò che è eccessivo, superfluo che abbiamo accumulato in casa, nel guardaroba, tra i libri e tra gli strumenti tecnologici (cellulari, cavi, ecc) e contenuti come mail, foto; tra i CD, i documenti. QUI trovi qualche regola per farlo. Occorre rendersi conto che allo spazio fisico che si libera, corrisponde uno spazio interiore che si libera e questo è dovuto al fatto che avere meno equivale anche ad avere una maggiore disponibilità di energie e di tempo per la gestione delle “cose”. Tali energie si possono utilizzare per la propria crescita attraverso il tempo da dedicare a sé stessi, alle relazioni e alle pratiche che migliorano lo stato di “salute”.
  4. Puoi lavorarci considerando il 6° chakra, chiamato il 3° Occhio, quello che ci aiuta a trascendere il dualismo della mente e che puoi allenare con la pratica delle Visualizzazioni. QUI spiego come prepararti a farle.
    Se vuoi saperne di più sul simbolismo dei chakra, approfitta dell’e-corse gratuito di 10 giorni che puoi ricevere iscrivendoti QUI  che si chiama Conosci te stesso con i Màndala.

Se hai voglia di allenarti alla elaborazione dei desideri ti consiglio di seguire le istruzioni dell’esercizio dei 101 desideri di Igor Sibaldi e puoi comprendere di cosa si tratta cercando semplicemente questo titolo sulla piattaforma di YouTube, così ti spiegherà lui stesso di che si tratta, vedrai ti piacerà, è una persona particolare e molto piacevole da ascoltare.

Per qualsiasi approfondimento o domanda non esitare a contattarmi o commentare, grazie di cuore.

Articoli correlati

Focusing e Cambiamento

Focusing e Cambiamento

Non accettare i cambiamenti in cui inevitabilmente incorriamo, è la principale causa di ansia, stress e “blocco dell’azione” in moltissime persone. Che tu sia una di esse o meno, continua a leggere questo articolo e scoprirai perché il metodo Focusing è un ottimo...

leggi tutto
La paura del giudizio degli altri

La paura del giudizio degli altri

Molto spesso dietro le difficoltà nel promuovere il cambiamento desiderato (cambiare lavoro, un nuovo progetto, una nuova relazione) o nel cambiamento non voluto (un lutto, una malattia, una perdita di qualsiasi tipo o una separazione), ci sono emozioni non...

leggi tutto
Focusing con Germana Ponte, l’intervista

Focusing con Germana Ponte, l’intervista

In questa intervista conosciamo la Coordinatrice italiana di Focusing Germana Ponte, colei che mi ha formata come Trainer, è Laureata in Sociologia, Counselor, giramondo per lavoro e passione. Valentina: Ciao Germana, per chi non ti conosce o non è del mondo del...

leggi tutto
Valentina

Valentina

Sono Trainer del Metodo Focusing e nella mia vita precedente, infermiera. Oggi mi prendo cura delle persone insegnando l’ascolto e l’accettazione incondizionata di sé perché pensare di sapere cos’è meglio per stare bene, non è sufficiente a cambiare. Stare incondizionatamente con quello che c’è è indispensabile per avviare un cambiamento reale che parte dall’autenticità. Conosciamoci meglio

0 commenti

Trackback/Pingback

  1. Violenza sulle donne, i campanelli d'allarme - Valentina Sacco - […] Se vuoi leggere altro sulle emozioni trovi altri articoli sull’argomento, puoi iniziare da Emozioni limiti o risorse? Emozioni: paura,…

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *